Alla fine non ce l’ha fatta. Per una manciata di voti l’Area Marina Protetta di Punta Campanella si è dovuta accontentare del secondo posto. Un risultato comunque notevole. In gara le 30 aree marine protette italiane, in un concorso online bandito ad aprile scorso da Asdomar, per scegliere la regina del mare. Ha vinto la Gaiola, dall’altra parte del golfo di Napoli, in un podio tutto campano con Punta Campanella seconda e la Costa degli Infreschi e della Masseta, nel Cilento, medaglia di bronzo.

Un secondo posto di tutto prestigio che premia le bellezze e le attività del Parco Marino della costiera che è stato votato da ogni parte d’Italia e che ha scalato posizioni nelle ultime settimane grazie al passaparola sui social network e al sostegno di gruppi e giornali locali. Superate aree marine di grande prestigio e rinomate come le Cinque Terre, le Egadi, Portofino e tutte le altre. Un risultato che premia ancora una volta un’Area Marina Protetta che è riuscita a radicarsi sul territorio nonostante lo scetticismo iniziale e le numerose difficoltà da affrontare.

Soddisfatti del risultato i vertici del Parco Marino, il Presidente Michele Giustiniani e il direttore Antonino Miccio: “Le A.M.P. sono tutte belle e affascinanti, ognuna con le proprie caratteristiche e specificità. Arrivare secondi su 30 è un risultato che ci inorgoglisce e che segue altri prestigiosi riconoscimenti ottenuti in questi anni. Ringraziamo i tanti che, da ogni parte d’Italia, ci hanno votato. Un risultato che premia l’intero territorio della costiera”.