Escursione Termini – Mitigliano

  • Difficoltà: minima
  • Dislivello: 300 mt
  • Percorrenza: 3,5 km
  • Tempo impiegato:

 

Escursione: Collina – Mare

 

Segnaposto: Giallo

 

Periodo consigliato: Estate

La piccola cala di Mitigliano è un’insenatura compresa tra Punta Baccoli e, più ad ovest, Fossa Papa. La minuscola spiaggia di sassi, di formazione abbastanza recente, è una delle più amene tra quelle racchiuse nel territorio dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella. Presenta una zonizzazione di tipo C.
Mitigliano è raggiungibile, da terra, tramite un piacevole, nonché poco impegnativo, sentiero. Le sue acque limpide rappresentano un fresco premio per l’escursionista che decide di visitarla nel caldo periodo estivo!
La passeggiata ha inizio da Termini, in piazza Santa Croce. Si prosegue, in discesa, per via Campanella fino al bivio con via Mitigliano.
Il primo punto di particolare interesse storico è costituito dalla splendida chiesa di Santa Maria di Mitigliano, purtroppo in un cattivo stato di conservazione. Pare che questa sia sata costruita sui resti di un’antica abbazia, i cui frati, si racconta, furono ridotti in schiavitù dai turchi.
Il cammino prosegue. La strada rotabile ora si inoltra, in ripida discesa, fra oliveti e piante tipiche della macchia. Un paletto in ferro, che delimita una proprietà privata, segna l’inizio del sentiero. Si segue il percorso a giravolte, contrassegnato dalla fascia gialla.
Attraversando i caratteristici vicinali si giunge, in circa 20 minuti, sulla ciottolosa spiaggia di Mitigliano. Ad est di quest’ultima c’è una costruzione a forma di torre, con base circolare: forse utilizzata un tempo, quando la cava era funzionante.
L’attrattiva principale della cala resta, però, la grotta di Mitigliano, che affaccia proprio sull’isola di Capri. L’anfratto, formatasi grazie ad una sorgente d’acqua dolce, costituisce una forte attrattiva per coloro che desiderano immergersi in acque cristalline. Appoggiata su un fondale di circa 15 m, con un ingresso alto 7 m, si spinge all’interno per 70 m di lunghezza e costituisce un interessante rifugio per piccole aragoste e guizzanti corvine che possono incantare, con magiche danze, i loro ospiti.

Vuoi partecipare ad un'escursione guidata?