Paracentrotus lividus

Classificazione

Phylum Echinodermata

Subphylum Echinozoa

Classe Echinoidea

Sottoclasse Euechinoidea

Ordine Echinoida

Sottordine

Famiglia

Genere Paracentrotus

Specie Paracentrotus lividus

Immersione allo Scoglio del Vervece

Phylum

Gli Echinodermi sono caratterizzati da simmetria raggiata, corpo costituito tipicamente da 5 ambulacri (radii) provvisti di pedicelli ambulacrali e che si alternano con 5 interambulacri (interradii) intorno ad un asse oro-aborale; la metameria è assente; la parete del corpo presenta epidermide su piastre (o placche) mesodermiche calcaree che formano un endoscheletro flessibile o rigido a forma di scatola, da cui sporgono spine o basse protuberanze, assenti negli oloturoidei. Sono comunemente provvisti di minute pedicellarie funzionanti da organi di presa dell’alimento; il celoma è grande, suddiviso in periviscerale (splancnocele), sistema acqquifero (o sistema acquifero vascolare o sistema ambulacrale o idrocele) e sistema periemale. I sessi sono tipicamente separati, ma simili e le larve presentano simmetria bilaterale, liberamente natanti prima della metamorfosi. Gli Echinodermi sono tutti marini e sono presenti nella storia geologica dal Cambriano all’Olocene. A oggi sono circa 5500 le specie viventi.

Subphylum

Gli Echinozoa sono tipicamente privi di braccia, globosi e non ancorati al substrato.

Classe

Echinoidei, ricci di mare. Lo scheletro o teca, impropriamente guscio, è tipicamente rigido e globoso, discoidale o cordiforme, caratterizzato da spine o aculei mobili (o radioli) e pedicellarie costituite da una pinza tridattila; i piedi ambulacrali sono sottili e muniti di ventose. L’intestino è lungo e sottile, avvolto a spirale; bocca e ano o centrali o laterali. Presenti dall’Ordoviciano all’Olocene con circa 860 specie viventi e 7200 specie fossili.

Sottoclasse

Euechinoidei, interambulacri e ambulacri costituiti da 2 serie di piastre ciascuno; sferidi presenti.

Ordine

Gli Echinoida si caratterizzano per piastre ambulacrali costituite da due piastre primarie con una stretta piastra tra le loro estremità esterne, da solchi per le branchie poco profondi e dalla fusione delle epifisi della lanterna di Aristotele. Presenti sulla Terra dal Cretacico all’Olocene.

Genere

Il Paracentrotus lividus è il riccio marino comune, frequente nel Mediterraneo e nei mari dell’Irlanda e delle Canarie a una profondità compresa tra 0 e 80 metri; il diametro può arrivare a 7 cm e il colore è viola scuro, marrone o verdastro.

 

(testi a cura di Piter Cardone)

Vuoi partecipare ad un'escursione o ad un'immersione guidata?