Liberate tre tartarughe nel mare di Punta Campanella

23 aprile 2024

HOME

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

Tre tartarughe hanno ritrovato la libertà nel mare di Puolo a Massa Lubrense, zona C dell’Area Marina Protetta di Punta Campanella. I tre esemplari di Caretta caretta, due femmine subadulte e un maschio adulto, riprendono così il loro viaggio nel Mediterraneo dopo alcuni mesi di stop forzato e cure. Una delle femmine ha già le uova e sarà pronta a nidificare tra qualche settimana.

Le Caretta caretta erano state salvate in inverno grazie al pronto intervento dell’Area Marina Protetta Punta Campanella e della Stazione Zoologica A. Dohrn. Con il fondamentale e prezioso supporto dei pescatori di Salerno, Antonio Mai e Luigi Guida. Le 3 tartarughe, in periodi diversi, erano state catturate accidentalmente durante le consuete battute di pesca al largo del golfo di Salerno. Impigliate nelle reti, hanno rischiato di morire per annegamento o per embolia, dovuta alla risalita troppo rapida dalle profondità del mare. Incidenti che purtroppo capitano molto spesso, soprattutto nei mesi invernali, quando le Caretta caretta sono intorpidite dal freddo e più vulnerabili. E per questo è fondamentale non rimetterle subito in mare una volta pescate. Potrebbero non farcela a sopravvivere. Ma Rita, Noemi e Kevin, questi i nomi delle tre tartarughe rilasciate oggi, sono state fortunate. I pescatori hanno subito allertato l’AMP Punta Campanella che ha recuperato gli esemplari trasferendoli al centro di recupero tartarughe della Stazione Zoologica A. Dohrn.

Dopo mesi nelle vasche per sottoporsi a cure specializzate, oggi finalmente il ritorno in mare dalla spiaggia di Puolo, davanti a bambini e scolaresche invitate a seguire l’iniziativa dopo avere partecipato in questi mesi a un progetto di Educazione Ambientale con l’Area Marina Protetta. All’evento, reso possibile grazie alla collaborazione degli operatori turistici e delle associazioni locali di Puolo, hanno partecipato anche il Presidente e il Direttore dell’AMP Punta Campanella, Lucio Cacace e Lucio De Maio. Presente anche la Capitaneria di Porto.

La collaborazione tra AMP Punta Campanella, pescatori, Stazione Zoologica A. Dohrn e Capitaneria di Porto ha già salvato negli ultimi anni decine di tartarughe marine. Una rete di enti e istituzioni, in questo caso benefica per le Caretta caretta, che proseguirà nel lavoro di tutela della specie in modo ancora più efficace grazie alla prossima apertura di un Centro di Primo Soccorso a Massa Lubrense finanziato dalla Regione Campania. La rete di tutela delle tartarughe sarà attiva anche nei mesi estivi in tutta la regione per individuare e monitorare i nidi di Caretta caretta lungo i litorali campani, soprattutto nelle zone del Cilento e di Castelvolturno.

ULTIMI COMUNICATI

Punta Campanella, Bioblitz per delfini e posidonia

Giovedì 20 giugno escursioni in barca e snorkeling per monitorare le due specie per il progetto europeo Life SeaNet. Iniziativa nell’ambito del Congresso Internazionale sulle piante marine organizzato dalla Stazione Zoologica A. Dohrn…

L’AMP Punta Campanella: Navigare a velocità moderata, rispettare le regole

Appello dell’Area Marina Protetta ai tanti diportisti che transiteranno tra le costiere e Capri. “L’alta velocità è pericolosa, causa incidenti mortali e crea molti danni all’ambiente”. Obbligo di “scatola nera” per le imbarcazioni commerciali che operano nella Riserva Marina…

Tutti i comunicati

Restiamo in contatto!

15 + 1 =

Area Marina Protetta

Punta Campanella

 

Aperti al pubblico dal lunedì al venerdì dalle 9,00 alle 13,00. Il martedì e il giovedì anche il pomeriggio, dalle 15,00 alle 18,00

Via Roma, 31 - 80061, Massa Lubrense (NA)
Email: info@puntacampanella.org
PEC: amppuntacampanella@pec.it