In riferimento ai presunti ritrovamenti archeologici nei fondali di Marina della Lobra, avvenuti nei giorni scorsi a Massa Lubrense, l’Area Marina Protetta di Punta Campanella approfondir√† e verificher√† la portata della scoperta, in totale sintonia con la Soprintendenza archeologica della Campania e con la responsabile della penisola sorrentina, dottoressa Tommasina Budetta. Il Parco Marino √® pronto a stipulare un protocollo di intesa con la Soprintendenza in modo da procedere regolarmente con le opportune verifiche, seguendo un corretto iter istituzionale.

“Siamo pronti ad effettuare tutti i controlli e gli approfondimenti del caso – sottolinea il Presidente dell’AMP Punta Campanella; Michele Giustiniani – Laddove fosse confermata la portata della scoperta, chiederemo alla Capitaneria di Porto di emettere un’ordinanza di interdizione all’accesso nello specchio d’acqua interessato, ma nel frattempo bisogna andarci con i piedi di piombo”.

Secondo quanto riportato dall’Archeoclub di Massa Lubrense, nei fondali di Marina della Lobra ci sarebbero i resti di una villa patrizia o di un antico santuario.